ACUTO - PROGETTO SUL CYBER BULLISMO NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Comunicato stampa

 

Nei giorni scorsi si è concluso il progetto sul cyber bullismo rivolto agli alunni della scuola media di Acuto, portato avanti dalla Dottoressa Katia Colavecchi. Da 3 anni l’amministrazione Comunale si fa promotore di questi progetti con i quali sono state approfondite le diverse forme del disagio adolescenziale, le forme di aggressività e di bullismo. Quest’anno il tema cardine del progetto è stato il cyber-bullismo.

Oggi viviamo in un contesto socio culturale in cui vi è una sovrabbondanza di stimoli esterni e carenza di comunicazione diretta. Gli adolescenti, trovandosi di fronte ad una difficoltà di ascoltare e gestire i propri vissuti emotivi in modo efficace, sconfinano spesso in forme di aggressività realizzate anche tramite le abilità nell’utilizzo delle nuove tecnologie. L’intento di questo progetto è stato proprio quello di far conoscere ai ragazzi tutte le inside della rete aiutandoli a riflettere sul loro quotidiano utilizzo dei social al fine di dare un contributo alla prevenzione degli effetti del disagio giovanile in generale e del cyber bullismo e del bullismo in particolare, attraverso azioni educative condivise.

La partecipazione è stata buona, i ragazzi hanno risposto positivamente, aprendosi al dialogo e al confronto, e ricercando approfondimenti sugli argomenti trattati. Soddisfatta la dottoressa Colavecchi per “l’interesse suscitato nei ragazzi mettendosi al loro livello e considerandoli non un problema ma una risorsa per il futuro”. Il Consigliere delegato Sara Cola ha espresso “la soddisfazione dell’Amministrazione per questa ulteriore, significativa iniziativa di supporto educativo a vantaggio dei giovani della scuola secondaria di primo grado. Un impegno vero e costante fatto di azioni concrete, di attenzione per ogni problematica della scuola, e fatto anche di progetti formativi importanti e significativi quale questo sul cyber bullismo”


La redazione (2015-05-28 13:37:18)