FROSINONE - LA PROVINCIA CALDEGGIA LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLA VIA FRANCIGENA DEL SUD

Covocata una riunione con gli enti e le realtÓ coinvolte nel progetto di sviluppo turistico del tratto

Si è tenuta nella Sala Cascella del Palazzo della Provincia di Frosinone la riunione convocata dal Commissario Straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi, con i Sindaci o loro rappresentanti di: Acuto, Alatri, Anagni, Arnara, Ferentino, Frosinone e Ripi; e i Presidenti o loro rappresentanti di: Camera di Commercio, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna, Col diretti, Confagricoltura, Confederazione Italiana Coltivatori, Lega Coop e Federlazio.

“I lavori di messa in sicurezza e segnaletica dl tratto di competenza della Provincia di Frosinone della via Francigena – ha detto Patrizi – sono conclusi da tempo e si rende ora necessario procedere alla valorizzazione e alla promozione del tratto viario di nostra competenza, di concerto con gli Enti e le Associazioni del territorio. Abbiamo dunque avviato i lavori per giungere in un tempo congruo ma più stretto possibile a rendere effettivamente fruibile il tranno della Francigena del Sud che consente il passaggio anche nella nostra provincia del vasto flusso di pellegrini che intraprendono il cammino verso i luoghi santi. E’ facilmente intuibile quanto sia importante, specie per una terra come la nostra che vanta un percorso religioso di primissimo livello, forse ineguagliabile, rendere operativo questo tragitto. La Provincia di Frosinone ha partecipato, con esito positivo, all’Avviso pubblico della Regione Lazio per la presentazione di iniziative per la promozione dei percorsi della Francigena. Il nostro progetto ha ricevuto, su oltre 200 progetti presentati a livello regionale, il secondo miglior punteggio, subito dopo il Touring Club, ed ha ottenuto un contributo. La nostra idea verte sulla realizzazione di un’applicazione informatica in grado di delineare nuovi paradigmi di comunicazione e nuove forme di contenuti digitali interattivi in grado di favorire modalità innovative di accesso alle risorse culturali. Per raggiungere tale obiettivo, la tecnologia che vogliamo sviluppare e applicare è quella della Realtà Aumentata (AR, augmented reality). Una tecnologia che trova applicazione negli smartphone e nei tablet, mediante i quali possono essere convogliati e integrati tutti quegli elementi (informazioni tratte da data base, immagini reali e virtuali, punti di interesse geolocalizzatori, dati sensibili etc.) che consentono di “aumentare”, appunto, le informazioni che si possono recepire dalla realtà, superando i soli dati percettivi. Le potenzialità dell’AR sono enormi laddove le società specializzate prevedono che nel 2015 saranno presenti sul mercato 2,2 bilioni di telefoni abilitati a tale tecnologia. Si tratta di un servizio pensato sia per i turisti sia per i cittadini i quali, grazie a “Francigena meridionale direttrice Via Predestina-Latina in AR+”, potranno muoversi sul percorso ottenendo informazioni utili relative ai punti di interesse culturale – storico – paesaggistico ma anche dove approvvigionarsi di vettovaglie, dove fermarsi per ristoro e quanto di altro sarà utile al loro cammino”.


La redazione (2013-09-20 10:02:59)