CECCANO - CORTEO STORICO PER CELEBRARE I FASTI DELLA CONTEA DEI DE CECCANO

Rievocato l'arrivo del cardinale Annibaldo IV con la partecipazione di centinaia di figuranti in abiti trecenteschi

Centinaia di figuranti per far rivivere, per le strade di Ceccano, lo sfarzo e la solennità del passaggio nella sua città natale di Annibaldo IV, segretario di stato di Clemente VI, inviato dal papa in ambasceria a Napoli nel giugno del 1350. Evento celebrato con il corteo storico, il palio e i diversi personaggi in abiti del XIV secolo a ricordare lo splendore della contea di Tommaso II, conte di Ceccano e fratello del cardinale Annibaldo; principe della Chiesa colto e potente, amante dell’arte, protettore di Simone Martini ed amico di Francesco Petrarca, che lascia la sua residenza ad Avignone, giunge a Roma come legato pontificio per il II Giubileo e da qui a Napoli presso la  corte di Giovanna d'Angiò e Ludovico d'Ungheria. Proprio la regina Giovanna lo attende a Ceccano, insieme a Simone Martini, a Francesco Petrarca, alla regina di Svezia, Brigida, ai conti di Ceccano e ai principi delle grandi famiglie della nobiltà romana, alleate dei de Ceccano tramite strategiche unioni matrimoniali. Tutti personaggi rappresentati nel corteo, concluso con il dono dello stemma della città da parte del cardinale al fratello Tommaso II, con la giostra dell'anello e la consegna ai vincitori del palio di Egidia, intitolato alla madre del Conte Giovanni, tra le prime donne a raggiungere in pellegrinaggio Santiago di Compostela. L’evento è stato accompagnato, anche quest’anno dalle esibizioni degli sbandieratori, provenienti da Cori, dei musici e ha visto la partecipazione del Coro Homilius d’Avignone a suggellare un legame tra le due città. Protagonisti ancora una volta gli studenti e i docenti del Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano, e di altri istituti della città, imbandita a festa con colori dello stemma cittadino.


La redazione (2011-06-06 14:39:53)