FROSINONE - CONVOCATO IL COMITATO PROVINCIALE PER IL LAVORO PER RICHIEDERE IL RICONOSCIMENTO DELL'AREA DI CRISI INDUSTRIALE COMPLESSA

La riunione si terrą nel pomeriggio, invitati tutti i Sindaci ed i Presidenti degli Enti Locali

Convocata per il pomeriggio di oggi, 29 novembre, la Seduta straordinaria del Comitato Provinciale per il Lavoro e lo Sviluppo Economico della Provincia di Frosinone,   presieduto dal Consigliere Antonio Salvati, che si terrà nel Salone di Rappresentanza dell'Amministrazione provinciale  alle ore 17,00,   al fine di sottoscrivere, ai sensi e per gli effetti dell'art. 27, comma 1, della Legge del 7 agosto 2012, n. 134,  "l'Atto di Adesione”  con il quale, unitariamente, si conviene di attivare le procedure affinchè la Regione Lazio chieda al Ministero dello Sviluppo Economico il riconoscimento dell’Area di crisi industriale complessa della Provincia di Frosinone conseguente al fallimento dell’Azienda Videocon, con gravi conseguenze negative sull’indotto, sul Sistema Locale del Lavoro (S.L.L.) e con ripercussioni sulla Politica industriale nazionale. Alla stessa seduta sono stati invitati tutti i Sindaci ed i Presidenti degli Enti Locali della Provincia di Frosinone, ai quali è stata inviata apposita Bozza di Deliberazione di Consiglio,  affinchè sottoscrivano anch'essi il citato "Atto di Adesione",   per le finalità di cui alla Legge del 7 agosto 2012, n. 134. Si tratta di un momento estremamente delicato per la nostra provincia e l’atto in procinto di essere siglato assume un valore epocale.

< di salvare siti industriali e preziosissime professionalità, mentre i termini di cassa integrazione sono in scadenza e la corsa è contro il tempo per prendere al volo delle proposte di investitori esteri. Il nostro assessorato al Lavoro è anche in campo per la vicenda della “Reno De Medici” di Villa Santa Lucia e venerdì prossimo ci sarà la riunione del tavolo di crisi. E’ evidente come, di fronte a questo stato di cose che vede anche altri siti industriali e aziende di vario tipo sull’orlo del disastro è assurdo e anche incomprensibile come un territorio del genere possa essere lasciato solo e dal Governo non arrivino segnali di attenzione nonostante le reiterate richieste, le
manifestazioni e gli interventi che si sono susseguiti in questi anni e specialmente negli ultimi mesi. I lavoratori della ex Videocon devono supplicare, passando le notti all’addiaccio, per avere un incontro in sede ministeriale, è pazzesco! Non si è riuscita a vedere, nonostante le promesse, uno straccio di politica per rilanciare le produzioni a fronte di continui tagli, tasse e riforme solo restrittive. Oggi il Comitato per lo Sviluppo della Provincia di Frosinone varerà un importantissimo atto come è la richiesta dello stato di crisi complessa alla quale anche i sindaci dei 91 comuni della Provincia dovranno apporre la loro firma. La speranza è che a Roma si rendano conto veramente di quanto sta succedendo da queste parti e che la situazione non è più governabile a lungo da nessun punto di vista. Occorrono interventi immediati e attenzione massima per un sistema che una volta distrutto non si riprenderà per decenni. Credo che l’iniziativa del Comitato per lo Sviluppo debba avere il massimo supporto da parte di tutte le forze in campo e che tutti i rappresentanti politici debbano sensibilizzare i loro referenti a livello nazionale e in parlamento, così come noi stiamo facendo, per fare un fronte comune e ottenere attenzione per la nostra gente>.


La redazione (2012-11-29 09:56:21)