FRUSINATE - RESI NOTI I DATI DELL'OCCUPAZIONE NEL LAZIO DEL IV TRIMESTRE 2012

Pubblichiamo la ricerca del Centro Studi Unindustria su dati Istat

IV Trimestre 2012 -Gli occupati in Italia risultano pari a 22,805 milioni e, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, risultano in calo dello 0,6%. Al tempo stesso si registra un forte aumento del numero di disoccupati, che sale a 2,988 milioni con un aumento di 559 mila unità (+23%). Inoltre scende il numero di inattivi in età lavorativa (-3,2%) che si attesta a 14,213 milioni. Il tasso di occupazione (56,5%) risulta in calo di 0,3 punti rispetto al quarto trimestre 2011, il tasso di attività si attesta al 64,1% dal 63% dell’anno prima e il tasso di disoccupazione cresce di 2 punti percentuali raggiungendo l’11,6%.

Nel Lazio gli occupati (2,240 milioni)  aumentano dell’1% e, seppur con un ritmo più contenuto rispetto al resto d’Italia, cresce considerevolmente anche il numero di disoccupati (+18,1%) che sale a 324 mila unità. Parte dell’aumento delle persone in cerca di occupazione è dovuto all’ingresso nel mercato del lavoro della componente inattiva che scende a 1,261 milioni e fa registrare una contrazione del 4,6%. Il tasso di occupazione aumenta di 0,4 punti percentuali e si porta al 58,2% e quello di attività si attesta al 66,7%, in aumento di 1,7 punti percentuali. Infine il tasso di disoccupazione sale al 12,6%, in rialzo di 1,6 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2011.

 Anno 2012 – In media d’anno gli occupati in Italia (22,899 milioni) diminuiscono dello 0,3% in termini tendenziali e, nello stesso periodo, i disoccupati (2,744 milioni) crescono del 30,2% mentre gli inattivi (14,386 milioni) si riducono del 3,9%. Il tasso di occupazione scende al 56,8% (-0,2 punti percentuali), quello di attività si porta al 63,7% (+1,4 punti percentuali), il tasso di disoccupazione arriva al 10,7% (+2,3 punti percentuali) e quello di disoccupazione giovanile raggiunge il 35,3% (+6,2 punti percentuali).

Nel Lazio, in controtendenza con il dato nazionale, gli occupati (2,250 mila) sono aumentati dell’1% su base annua. Crescono anche i disoccupati (271 mila), per i quali si rileva un incremento pari a +23,9%, al contrario diminuiscono gli inattivi (-2,7%, pari a 1,295 mila). Per entrambe le grandezze si osservano variazioni più contenute rispetto alla media italiana. Il tasso di occupazione si riduce di 0,3 punti percentuali, scendendo al 58,6%, mentre quello di attività sale al 65,7% (+1,1 punti percentuali). Per quanto riguarda la disoccupazione, il tasso totale aumenta di 1,9 punti, attestandosi al 10,8%, e quello giovanile raggiunge il 40%, in aumento di 6,2 punti percentuali rispetto al 2011.


La redazione (2013-03-06 10:52:04)